Décor,  Raccolgo storie

Lo shop online di Romantico da Ristrutturare. Eredità del cuore e oggetti della memoria

Quando racconto di Romantico parlo dei nonni e di chi prima di loro mi ha trasmesso la passione per gli oggetti antichi, un po’ come quando del mio lavoro di editore ne riconosco il modello e il motivo nei miei genitori.
Ho osservato mille volte la nonna materna apparecchiare la tavola delle feste a regola d’arte e ricordo, allora, che pur non comprendendo tutto quel tempo impiegato a preparare ikebana come centrotavola o a stirare tovaglie lunghissime e bianchissime, ammiravo la pazienza e la cura che Adriana dedicava all’arte della tavola.
La nonna paterna invece mi ha svelato soltanto recentemente, quasi come si fa con un dono speciale prima di salutarsi per sempre, che se le cose durante la guerra fossero andate diversamente, ossia se il nonno non fosse tornato, lei sarebbe rimasta da sposare e avrebbe aperto un negozio di antiquariato. 
E poi grazie ad Amelia, antenata ricamatrice, ho imparato che il tempo delle donne trascorso con ago e filo dietro a una finestra ha lasciato nelle nostre mani dei tesori, quelli che chiamo eredità del cuore, perché prima ancora che pizzi, filet, uncinetti, tende e tovaglie, sono capolavori che raccontano vite.


Così, in maniera del tutto inaspettata, imprevedibile e travolgente, il mio hobby è diventata un’attività che mi diverte e mi regala la soddisfazione immensa di diffondere quel senso per l’antico che, in fondo, altro non è che rispetto, sensibilità e consapevolezza per ciò che prima di noi è stato realizzato, custodito e tramandato con amore, e che parla il linguaggio del sentimento e della poesia.

Mi trovate su Depop (www.depop.com/cecifiori) e su Vintag
(https://www.vintag.store/romanticodaristrutturare?lang=it)

I negozi di Romantico sono ospitati su due app che stimo molto e che vi consiglio: Depop e Vintag.
La prima, di fondazione inglese e fama mondiale, vanta circa 10 milioni di utenti (e il numero è in crescita sempre più velocemente). Nata con lo spirito della moda second hand, oggi Depop è un’ottima vetrina anche per chi come me propone vintage décor.

La seconda, invece, è una nuova app tutta italiana che si presenta come “il modo più semplice e divertente per comperare e vendere vintage, modernariato e tanto altro”.
Entrambe sicurissime per gli acquisti, perché tramite i relativi tasti compra si viene dirottati comodamente su Paypal, sono molto carine anche per le funzioni recensioni, grazie alle quali chi vende e chi acquista può lasciare un feedback positivo o negativo relativo alla transazione con l’utente. 

Per quanto sia vero che il reale oggi è sempre più intriso di virtuale, è pur vero che grazie a un utilizzo serio, consapevole e responsabile delle app, il virtuale può diventare un’occasione reale per esercitare l’arte della gentilezza e diffondere, nel proprio piccolo, bellezza, poesia e senso del recupero in un’ottica di valorizzazione estetica e funzionale del passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: